Gamma dinamica alta: esercitazione pratica, Corsi e workshop Photosurf
Sito ufficiale e portfolio di nozze del fotografo di matrimonio a Lecce Daniele Panareo.
fotografo Lecce, fotografo matrimonio Lecce, foto matrimonio, matrimonio, fotografo, daniele panareo, matrimoni a lecce, foto di nozze, fotgrafo cerimonia, eventi a lecce, fotografie di nozze, wedding photographer, nozze in Salento, video di matrimonio Lecce, nozze, immagini matrimonio, sposarsi a Lecce, sposarsi nel salento, matrimonio in Puglia, fotografo Puglia, sposarsi in Italia
22507
post-template-default,single,single-post,postid-22507,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1
sposarsi o no_Daniele Panareo Fotografia_Fotografo Matrimonio Lecce-4390

Progetto ed esercitazione fotografica: Gamma dinamica alta

Progetto: Gamma dinamica alta

In breve, la gamma dinamica rappresenta l’intervallo tra le alte luci più chiare e le ombre più scure. Lavorare in alta gamma dinamica significa allora coprire tutto (o quasi) il range dinamico che la fotocamera può catturare.

Intestazione workshop - Gamma dinamica alta

Le condizioni di illuminazione con un’alta gamma dinamica, in cui è presente un divario (contrasto) molto ampio tra luce e ombra, sono di norma le più problematiche. Un’esposizione corretta per i toni medi lascia troppo chiare le luci e troppo scure le ombre, con relativa perdita di dettaglio.

Con le pellicole di grande formato i fotografi di paesaggi erano in grado di registrare i toni dalle ombre profonde alla luce brillante del sole, con tutta una gamma completa di passaggi intermedi. Le pellicole di piccolo formato hanno spinto i fotografi ad imparare a lavorare con la gamma dinamica dei mezzi a disposizione, tra cui anche le fotocamere digitali.

Istruzioni

Fotografate una scena con una gamma dinamica alta sfruttando il fatto che i valori alti saranno troppo bianchi oppure che le ombre risulteranno troppo scure. Provate a lavorare con zone scure o chiare rispetto alle quali possano risaltare i toni intermedi. Non modificate la gamma con strumenti di elaborazione (HDR).

Da ricordare

  • L’esposizione può essere controllata con diversi metodi di lettura
  • Con i comandi manuali potete variare l’esposizione
  • Quando componete l’immagine pensate in termini di blocchi di toni e colori
  • Una lieve sottoesposizione tende a saturare i colori nei toni medi
  • Il contrasto dei dettagli tende a diminuire con l’aumentare della distanza del soggetto dalla fotocamera
  • Le riprese in controluce possono dare risultati interessanti ma richiedono di evitare o sfruttare intenzionalmente i riflessi tra le lenti dell’obiettivo.

Suggerimenti

Luci laterali. Le scene con un’ampia luminanza sono più facili da gestire con il sole, e quindi le ombre, di lato nell’inquadratura.

Controluce. In controluce e a prezzo dei riflessi nell’obiettivo (attenzione a non esagerare) si può comunicare il senso di intensa luminosità di una scena. Potete attenuare la luminosità interponendo un oggetto tra il sole e voi (le fronde di un albero, un cartello, una colonna, ecc.).

Volti umani. Quando sono inquadrate persone, l’illuminazione dei volti deve essere morbida.

Sovraesposizione. Se la vostra immagine contiene zone bianche sovraesposte, un semplice trucco per evitarle è sfruttare qualche elemento nel primo piano per evitarle (un palo, le fronde di un albero, una bandierina, ecc.).

Retroilluminazione. Un altro modo per lavorare in controluce è cercare situazioni in cui il sole illumina da dietro il soggetto contro uno sfondo scuro.

Sottoesposizione. Il controllo più diretto della luminosità eccessiva consiste semplicemente nel forzare la sottoesposizione: le ombre si riempiono di nero ma in compenso si mantengono i colori nelle aree più chiare.

Ricerca dei particolare. Anche in condizioni di luminosità estrema o con una gamma di luminanza ampia è sempre possibile trovare qualche particolare con un’illuminazione favorevole.



Translate »