Comprare attrezzatura fotografica: pro e contro dei centri commerciali
Sito ufficiale e portfolio di nozze del fotografo di matrimonio a Lecce Daniele Panareo.
fotografo Lecce, fotografo matrimonio Lecce, foto matrimonio, matrimonio, fotografo, daniele panareo, matrimoni a lecce, foto di nozze, fotgrafo cerimonia, eventi a lecce, fotografie di nozze, wedding photographer, nozze in Salento, video di matrimonio Lecce, nozze, immagini matrimonio, sposarsi a Lecce, sposarsi nel salento, matrimonio in Puglia, fotografo Puglia, sposarsi in Italia
22473
post-template-default,single,single-post,postid-22473,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1

Dove comprare attrezzatura fotografica: pro e contro dei grandi centri commerciali

Dove comprare attrezzatura fotografica? Pro e contro dei grandi centri commerciali

Nell’articolo Dove e come comprare attrezzatura fotografica abbiamo visto quali sono i diversi tipi di negozio in cui è possibile reperire prodotti inerenti il mondo della fotografia. Ora vediamo nel dettaglio i negozi fisici in cui è possibile vedere, toccare e provare l’articolo e poi eventualmente acquistarlo.

Già nel precedente articolo, in generale, distinguevo due categorie di negozio reale: il mega store (che sarà trattato in particolare nel seguente articolo) e il negozio di attrezzatura fotografica locale, gestito cioè da un commerciante professionista nel settore (vedi articolo Dove comprare attrezzatura fotografica: pro e contro dei negozi di fotografia).

I centri commerciali e mega store per comprare attrezzatura fotografica

I grossi centri commerciali di elettronica di consumo li conosciamo molto bene: Unieuro, Mediaworld, Trony, Euronics e altri. Essi offrono appunto ‘elettronica di consumo’, quella cioè destinata ad un pubblico non troppo esigente in termini tecnici e che “consuma” il prodotto per poi aggiornarlo, sostituendolo con il nuovo modello o acquistando l’offerta del momento. L’acquirente medio del centro commerciale, spesso ma non sempre, ha una conoscenza di base o si sta avvicinando al mondo della fotografia da poco. Egli chiederà informazioni al commesso e si accontenterà di assecondarlo senza indagare troppo sulla veridicità del consiglio ricevuto. 

Le grandi catene di mega store dell’elettronica in cui comprare attrezzatura fotografica non sono specializzate in prodotti fotografici e, all’interno del loro immerso catalogo, offrono una gamma di prodotti consumer; più raramente si ha la salita in gamma con articoli professionali.

Cosa vendono? La risposta è immediata: elettronica di consumo. Hanno in catalogo tutti quei prodotti di fascia medio bassa che il cliente acquista in base all’offerta volantino o ai servizi offerti. Sottolineo che la gamma offerta è bassa ma non la qualità dei prodotti e soprattutto dei servizi post vendita.

Dal punto di vista tecnico il commesso è preparato ma quasi mai appassionato di fotografia: le nozioni che ha gli sono state fornite durante formazioni e corsi di aggiornamento. La sua propensione alla fotografia, in generale, scaturirà dalla curiosità di conoscere il prodotto che vende. Ovviamente saprà indicare il prodotto giusto ma lo farà secondo criteri commerciali e quasi mai di esperienza diretta nel settore. Mi è capitato spesso di soffermarmi a parlare con alcuni commessi e ho constatato che spesso il loro consiglio al cliente inesperto è orientato verso l’offerta, il prodotto nuovo o quello con le migliori caratteristiche in base al miglior rapporto qualità/prezzo. Nulla di sbagliato ma, da esperto nel settore, posso affermare che questo genere di consigli non sono molto adatti ad un fotoamatore che ricerca qualità e competenza tecnica.

Comprare attrezzatura fotografica: gli accessori. Per quanto concerne gli accessori (borse, cavalletti, schede di memoria, ecc.) il mega store è in media poco fornito: non offre tante alternative proprio perchè spinge i prodotti con maggiore margine di guadagno o quelli che si vendono maggiormente. Ecco allora che vedrete due o tre marchi di schede di memoria con pochissime alternative sulla capacità di archiviazione e sulla velocità di trasferimento dei dati. Troverete qualche treppiede nel reparto accessori ma spesso economici, leggeri e maledettamente instabili. Le borse e gli zaini fotografici non avranno gli standard di qualità e di costruzione dei migliori marchi del settore. Sottolineo il fatto che non critico le scelte commerciali del grosso centro vendita di prodotti elettronici ma vanno bene per la zia che sceglie di regalare la fotocamera al nipotino che fa la comunione o, comunque, sono adatti a chi non ha particolari esigenze.

Personalmente mi è capitato di acquistare materiale fotografico da Mediaword, Unieuro e Trony ma si trattava sempre di piccoli prodotti che volevo visionare di persona. Recentemente ho acquistato un card reader da Unieuro (pagato nove euro) ma la qualità è molto simile a quella dei lettori di schede di memoria che per pochi spiccioli puoi comprare su eBay e che arrivano dopo un mese da Hong Kong. Un’altra volta ho acquistato una scheda di memoria compact flash da Mediaworld solo perchè era domenica e mi serviva per un lavoro: bene, l’unica scelta era una Lexar da 8 GB che online avrei pagato la metà del prezzo.

Allora, quali sono i vantaggi nel comprare attrezzatura fotografica da questi centri commerciali di elettronica di consumo? Ce ne sono e adesso li vedremo.

Primo fra tutti la garanzia. Stiamo parlando di colossi multinazionali che vendono migliaia di prodotti ogni giorno e che devono far fronte alle numerose richieste dei consumatori in termini di garanzia, assistenza post vendita e centri tecnici per la risoluzione di problemi. Per legge lo stato italiano impone al venditore di garantire il prodotto per due anni dalla data di vendita dello stesso. Il venditore spesso offre estensioni di garanzia a più anni dopo il secondo, semplicemente vendendo il pacchetto relativo all’estensione di garanzia: questa è un’ottimo servizio perchè consente di stare sicuri sulla qualità del prodotto; infatti una multinazionale con tali volumi di vendita, non offrirebbe mai 5 anni di garanzia su un prodotto che dopo tre anni si potrebbe guastare. Va detto che questo tipo di ampliamento della garanzia non viene fornito in egual misura su tutti gli articoli fotografici.

Un altro vantaggio nel comprare attrezzatura fotografica presso i grandi magazzini dell’elettronica di consumo è quello di avere a che fare con multinazionali serie che tengono estremamente alla soddisfazione del cliente: la concorrenza spietata che esse si fanno tra di loro aumenta automaticamente la qualità del servizio che offrono. Vedremo allora commessi sorridenti (non sempre ma spesso) che faranno di tutto per risolvere il nostro problema; al più, se non riescono, mandano il pezzo in assistenza ed emettono un rimborso.

Puoi trovare nello stesso posto decine di prodotti differenti e di diverso genere: vai a Trony per acquistare l’asciugacapelli e visto che ci sei compri le pile, la custodia per la fotocamera e l’ultima offerta sulle chiavette usb. Comodo e un gran risparmio di tempo!

Di contro, comprare attrezzatura fotografica presso questi grossi negozi implica non pochi svantaggi. Vediamo allora alcuni punti a sfavore del centro commerciale di elettronica di consumo.

Proprio perchè vende elettronica di consumo sarà estremamente difficile trovare prodotti professionali o di alta gamma. Il negozio offrirà i migliori marchi di prodotti fotografici ma non tutti i modelli, molti obiettivi ma non tutti e così via. La gamma offerta è molto limitata e si concentra sulla fascia medio-bassa.

Il prezzo è un altro discriminante che potrebbe invogliare il cliente all’acquisto presso altro negozio (ad esempio online). Anche se i volantini e le miriadi di offerte pubblicizzano prodotti “sotto costo“, questi sono limitati in numero e limitata è la scadenza dell’offerta. In sconto grosso ci vanno sovente i prodotti di fascia bassa ma quelli di fascia alta non scendono mai di prezzo! Inoltre, a dispetto dell’opinione comune, i prezzi dei prodotti di fotografia nei grossi centri commerciali sono circa un venti percento superiori a quelli che puoi trovare online. C’è tutta una serie di condizioni che giustificano queste scelte commerciali ma rimane il fatto che i prodotti sono cari. Se acquisti quando il prodotto è in offerta va bene, altrimenti non conviene spendere tanto quando online, e magari proprio dallo stesso negozio, trovi un prezzo molto più basso. Un esempio è quello di Mediaworld: online ha prezzi più bassi di quelli che trovi per gli stessi prodotti nel negozio fisico; se ci metti poi che per andarlo a comprare devi prendere l’auto, perdere tempo tra parcheggi, fila alla cassa eccetera, la scelta è ovvia.

Tags:


Translate »