Zaino escursionismo trekking Forclaz 50
Sito ufficiale e portfolio di nozze del fotografo di matrimonio a Lecce Daniele Panareo.
fotografo Lecce, fotografo matrimonio Lecce, foto matrimonio, matrimonio, fotografo, daniele panareo, matrimoni a lecce, foto di nozze, fotgrafo cerimonia, eventi a lecce, fotografie di nozze, wedding photographer, nozze in Salento, video di matrimonio Lecce, nozze, immagini matrimonio, sposarsi a Lecce, sposarsi nel salento, matrimonio in Puglia, fotografo Puglia, sposarsi in Italia
22482
post-template-default,single,single-post,postid-22482,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vss_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1

Zaino escursionismo trekking Forclaz 50

Zaino escursionismo trekking Forclaz 50

Già in altri post ho scritto dello zaino fotografico e dell’occorrente da portare in viaggio. In questo articolo ho voluto raccontare, anche con immagini, la preparazione del mio bagaglio.

Ebbene sì! Vi parlo di zaino perchè sono solito viaggiare con uno zaino in spalla, lasciando a casa gli scomodissimi e poco capienti trolley da cabina per preferire di gran lunga una borsa da portare in spalla. Perchè preferisco lo zaino da trekking al trolley o alla valigia da viaggio? Semplice, perchè quello che mi porto dietro è veramente poco e soprattutto perchè avere lo zaino in spalla mi facilita di molto gli spostamenti sul posto.

Ho provato diversi tipi di zaino ma quello che preferisco è uno zaino da trekking semplice e comodo acquistato qualche annetto fa al negozio Decathlon di Lecce.

zoom_400PX_asset_32816583 zino decatlon 50 litri

Zaino da trekking Decathlon da 50 litri

Lo zaino che utilizzo è proprio quello della foto sopra. La capienza è di 50 litri, più che sufficienti per escursioni e viaggi fino a un mesetto. La spalliera è semirigida ed ergonomica con inserti in alluminio per facilitarne il trasporto e rendere più comoda la postura. Ha cinghie a sgancio rapido sia all’altezza del bacino che sul petto in modo da rendere la camminata più confortevole. Non possiede tasche esterne se non una a retina frontale per inserire una rivista o generi di prima necessità come cibo o un borraccia per l’acqua. Un’altra tasca è posizionata in alto ed è richiudibile con cerniere. Due sezioni laterali, apribili verticalemente consentono di riporre oggetti piccoli e allo stesso tempo di ampliare in volume del vano principale dello zaino stesso. Sulla cintola possiede una tasca con chiusura a zip per cellulare, soldi e documenti.

zoom_400PX_mediacom_713864857 zaino decathlon

Il vano grande è libero e spazioso (per quello che può essere uno zaino da 50 litri) ed è dotato di un’ulteriore tasca con cerniera per i documenti più importanti.

zoom_400PX_asset_35464844 zaino trekking

I materiali di cui è composto lo zaino da trekking Quechua sono sintetici e grossolani ma per il mio utilizzo sono più che sufficienti. Non possiede un telo per ricoprirlo in caso di pioggia o umidità eccessiva ma ne ho preso uno che si adatta perfettamente da un’altro zaino che ormai uso pochissimo. Per quanto riguarda accessori e porta oggetti, lo zaino possiede un cordino elasticizzato sulla sommità per consentire di fissare il sacco a pelo, il materassino o un indumento caldo; ha inoltre le fascette laterali con cui è possibile agganciare bastoni da trekking, borraccia per l’acqua, magliette, buste o borsette eventuali.

zoom_400PX_asset_36025466 zaino trekking

 

Perchè ho scelto il colore nero? Mi piace passare quasi inosservato tra le grandi folle e soprattutto in viaggio voglio garantirmi una certa discrezione: il colore nero permette di mimetizzarmi bene e di non dare troppo nell’occhio. Inoltre uno zaino nero sembra sempre più piccolo e meno ingombrante di uno dai toni chiari e colori accesi.

Purtroppo devo ammettere che è un po’ pesante rispetto agli zaini da trekking di altre marche e di qualità più elevata ma, in compenso, è molto robusto e comodo.

Nel seguito riporto i consigli tratti dal sito decathlon.it su come regolare e preparare in maniera ottimale lo zaino da escursionismo.

Come regolare lo zaino?
Allentate tutte le cinghie (bretelle, cintura, richiamo di carico) e indossate lo zaino. Per gli zaini da 50 l e più, sistemate la cintura sulle anche (deve inglobare le ossa iliache del bacino) e chiudetela. Per volumi più piccoli, sistemate la cintura intorno alla vita. Quindi, tirate le bretelle e stringete le cinghie. Infine, REGOLATE I RICHIAMI DI CARICO.

Come caricare lo zaino?
Sul fondo, mettete il materiale per dormire. Vicino alla schiena, mettete le cose pesanti (tenda, fornello, cibo). I vestiti saranno sistemati intorno.Il materassino potrà essere sistemato sotto il top, la tenda sotto lo zaino, se non ci sta dentro. Giacca impermeabile e pile a portata di mano. Nelle tasche, verrà ripartito il materiale “piccolo” che userete in giornata: crema da sole, carte, occhiali). La tasca acqua sarà messa, generalmente, nel comparto previsto, lungo la schiena.

Questo zaino mi ha accompagnato in decine di viaggi in giro per il mondo. Il prezzo non è alto e lo si può tranquillamente provare in un qualsiasi negozio Decathlon.

Tags:


Translate »